Mario Venuti e i Denovo: ‘A ferro e fuoco’

Che ne diresti se si andasse a fare un giro in sella a una canzone che parla ancor d’amore?
Io la canto a te a dispetto di ogni logica
Ti stupiresti di trovarti all’impovviso
in vetta a un’emozione sconosciuta al cuore
evitando la fatica e il pericolo
Non ti sorprenda se anche uno come me
sembri un po’ troppo romantico
Metto a ferro e fuoco il mondo intero
per averti ancora accanto
Metto a ferro e fuoco anche il destino
se ha voluto darmi tanto
non me lo toglierà
Se mi battessi per avere un tuo sorriso
“a singolar tenzone” e uscendo vincitore
poi vedessi invece scendere una lacrima
Non ti sorprenda se anche uno come me
sembri un pò troppo romantico
Metto a ferro e fuoco il mondo intero
per averti ancora accanto
Metto a ferro e fuoco anche il destino
se ha voluto darmi tanto
non me lo toglierà

Annunci

Sanremo, terza serata

Diamo a Pippo quel che è di Pippo: la terza serata del festival non mi è dispiaciuta.

Quasi tutte le (non eccellenti) canzoni hanno tratto giovamento dai duetti dei partecipanti con altri cantanti.

A mio avviso sono notevolmente migliorate: quella di Mietta in versione ‘a cappella’ con i Neri per Caso (un Chiambretti distratto annuncia: ‘dirige l’orchestra Beppe Vessicchio’; ma non c’era da dirigere nulla…); quella di Giò Di Tonno e Lola Ponce, che in pratica hanno interpretato un mini-musical, che poi è il loro vero mestiere; quella di Max Gazzè con Paola Turci (alla chitarra) e Marina Rei (alla batteria). Esilarante l’esibizione dei Finley con tale Belinda, cantante messicana, che come tutte le ispaniche, ha difficoltà a pronunciare ‘le doppie’: solo che le tocca cantare ‘.. ricordi di un anno…’

Tricarico continua a stonare (come Cotugno, del resto) e a sembrare quello che sta lì ma vorrebbe essere altrove. Non ho ancora capito se è snobismo o timidezza. Peccato perchè la canzone non è malvagia.

Sulla Bertè meglio stendere un velo pietoso: preferisco i cantanti che mi stupiscono con i loro testi, con le loro musiche a quelli che si presentano ammanettati, o con un finto pancione o con look, per così dire, ‘atipici’.

Bella la rappresentazione scenografica della canzone di Frankie Hi-Nrg Mc, in coppia col vincitore della scorsa edizione del Festival, Cristicchi, col quale improvvisa una partita a scacchi. ‘Rivoluzione’ si intitola il brano e rivoluzione c’è, dato che a giocare comincia il nero. Chi conosce le regole basilari degli scacchi ha capito che voglio dire…

Il cantante degli Spandau Ballet, Tony Hadley, invece di accompagnarlo, oscura l’italosvizzero Meneguzzi: in tutti i sensi, visto che è il doppio come dimensioni.

La presenza di Paola e Chiara nella esibizione di Zarrillo si percepisce appena.

Purtroppo ho perso Mario Venuti con il suo vecchio gruppo, i Denovo, scioltisi una ventina d’anni fa. Era uno dei miei gruppi preferiti, chissà che non facciano di nuovo qualcosa insieme.

La regia alterna cose interessanti (il video diviso in tre fra Gazzè, Turci e Rei) ad evidenti distrazioni (i tecnici sul palco che ‘impallano’ i conduttori).

Per quanto riguarda le novità, abbiamo assistito al parziale disgelo dell’algida valletta bionda, la Osvart. Anche se i suoi duetti con Baudo (quello della telefonata della mamma, ad esempio) sono come le barzellette di Berlusconi: non fanno ridere.

Sempre più simpatica e spontanea la bruna Guaccero, che trae un inaspettato vantaggio dalla voce resa rauca da un malore di stagione. Novità anche in prima fila: accanto a quel simpaticone di Del Noce non c’è più la Parietti con le sue labbra a canotto, ma il Gigi nazionale (D’Alessio).

Ma la cosa più bella del Festival di quest’anno, secondo me resta il dopo-festival: Elio e le Storie Tese che reinterpretano e riarrangiano i brani di questa edizione e di quelle del passato sono davvero bravi: da antologia la loro versione di ‘Rockin’ Roll Robot’, successo di tal Alberto Camerini. Le imitazioni di Lucia Ocone hanno un pò stufato. O meglio: hanno stufato le imitazioni, perchè lei è comunque brava.

Un capitolo a parte merita il discorso degli ascolti: i parrucconi dell’Auditel e della Rai non hanno ancora capito che il pubblico televisivo è diminuito. C’è il web con YouTube e affini, con il ‘video on demand’, con i siti e i blog dedicati alle varie trasmissioni: perchè dovrei sorbirmi due ore e mezza de ‘Le Iene’ quando sul loro sito posso vedermi solo i servizi che mi interessano senza pubblicità e gli inutili balletti (?) della moglie di Totti? La gente ‘ha fretta’, non vuole maratone televisive, vuole ottimizzare al meglio il suo tempo: se una puntata di Sanremo durasse un pò meno forse ci sarebbe qualche telespettatore in più.
E poi c’è la sempre più forte concorrenza di Sky (con costante numero di abbonati in aumento) e, in minor misura, di Mediaset Premium.
Gli ascolti di 15 milioni di persone ormai li può fare solo la nazionale di calcio (quando arriva in finale) e anche 8 o 9 milioni di persone che seguono un programma, oggi, sono davvero tante.

Dario Vergassola da ‘Parla con me’

La Destra punta sulla Santanchè. Già pronto lo slogan: ‘un Billionaire di posti di lavoro’

Viene dagli Usa la prima pubblicità da leccare. Sandro Bondi vorrebbe importarla in Italia per farci i manifesti elettorali di Berlusconi. Emilio Fede: ‘li avevo già inventati io!’

Durante la campagna eletorale, Veltroni và a pranzo dai suoi elettori: ma il suo modello di riferimento è Obama o Giovanni Rana?

La Santanchè non ha ancora sciolto le riserve sulla sua squadra di governo: forse deve aspettare che Bettarini finisca ‘Buona Domenica’? La vedrei bene agli Esteri, lontano dall’Italia…

Il PD fa fuori il vecchio De Mita e punta sui giovani. Attenzione perchè se si gioca su questo piano vince Ferrara, che punta sugli embrioni…

Berlusconi ha tenuto a precisare che Veltroni è solo diplomato mentre lui è laureato col massimo dei voti. Questi voti non li ha fatti ricontare però…

Aida Yespica ha detto che di politica non capisce niente, ma se potesse scegliere si candiderebbe col Pd. Allora è vero che di politca non sa nulla…

Convertire qualsiasi file video/audio in mp3

Reezaa converte facilmente qualsiasi file video/audio in mp3.

Supporta AVI, WMV, MOV, 3GP, MP4, FLV, RM, RMVB, VOB, DAT, MPEG, WAV, WMA, ASF, RA e tutti i tipi di VCD e DVD. Facile da utilizzare (Drag Drop).

Converte file audio in MP3 (supporta WAV, WMA, ASF, RA, RM, VQF, CDA, OGG, MP3 ecc.).

Converte file video in MP3 (supporta AVI, WMV, MOV, 3GP, MP4, FLV, RM, RMVB, VOB, DAT, MPEG ecc.).

Converte video di Youtube in MP3 (supporta FLV).

Cambia il bitrate degli mp3, la qualità ed i canali audio (si può usare Reezaa per modificare le proprietà di file mp3, ad esempio bitrate, qualità e canali audio).

Costa $19.95

Ridurre le dimensioni delle presentazioni PowerPoint


PPTminimizer
è un piccolo software (a pagamento) che riduce le dimensioni delle presentazioni PowerPoint di circa il 96%, senza aver poi la necessità di doverle scompattare o fare altro per poterle riutilizzare: vengono rimossi tutti gli elementi inutili e la velocità di caricamento viene sensibilmente aumentata.

Ridimensionare le proprie foto con Fotosizer

Fotosizer è un programma gratuito per ridimensionare le proprie immagini in modo semplice e veloce.

Bastano tre passaggi:

1. selezione foto

2. scelta delle dimensioni

3. avvio del ridimensionamento.

Disponibile qui.

Sanremo 2008

Sanremo sarà pure Sanremo, ma la manifestazione canora continua a perdere colpi.

Poche novità, le solite canzoni, i soliti conduttori, solito Del Noce in prima fila, persino soliti ospiti: Verdone promuove il suo film in modo decisamente imbarazzante, i Duran Duran sembrano riesumati.

La Bertè pretende ed ottiene di poter cantare prima del suo turno, poi ripropone (in pratica, data la grande somiglianza) una canzone della seconda metà degli anni ’80, quindi dà un pò i numeri e, involontariamente, infila un dito in un occhio di Chiambretti. Tutto questo è sufficiente ai giornali per parlare di ‘diva’.

Chiambretti sembra voler rubare la scena a Baudo. La vallette bionda è algida come poche (decisamente meglio la bruna Guaccero).

Che tristezza! Comunque farò il tifo per Mario Venuti.

Voci precedenti più vecchie