Il dramma umano di Tai Aguero

La ragazza nella foto si chiama Tai Aguero: di origini cubane, è una delle pallavoliste di spicco della nostra nazionale femminile.

Ha lasciato la sede olimpica di Pechino per correre a Cuba, al capezzale della madre morente, ma è stata fermata a Bonn perché non le è stato concesso il visto dal suo paese.

Il presidente della Lega Pallavolo Serie A, Mauro Fabris: “Tanto si discute in merito all’opportunità di mescolare lo sport con la difesa dei diritti umani, ma la vicenda di Tai Aguero, alla quale e’ stato impedito di essere vicina alla madre morente, dimostra come la libertà manchi non solo in Cina“.

La madre di Tai e’ morta quando l’atleta aveva appena ottenuto il visto per rientrare a Cuba.

Annunci