Adobe Photoshop Express

Adobe ha reso disponibile in rete una versione gratuita e limitata (nelle funzionalità) del programma Photoshop: Photoshop Express è accessibile attraverso qualsiasi browser.

Occorre iscriversi ed attendere l’email di conferma.

Contiene filtri, opzione ritaglio e creazione di album fotografici: insomma, simile a picasa, ma decisamente migliore. E, soprattutto, non richiede nessuna installazione

I 101 siti più utili per il Daily Telegraph

Il quotidiano britannico Daily Telegraph ha stilato una classifica (opinabile) dei 101 siti giudicati più utili a chi naviga in internet.

L’elenco è strutturato in sette categorie, e in vetta alla lista dei siti catalogati sotto la voce «tecnologia» troviamo Google assieme a tutto l’elenco dei suoi tool e delle sue applicazioni web, come Gmail, GoogleDocs o GoogleMaps. A seguire, un servizio altrettanto utile ai navigatori, anche se per motivi diversi: Anonymouse, il sito che consente agli utenti di navigare, inviare e-mail e partecipare a newsgroup senza lasciare traccia dei propri dati personali.

La seconda categoria è dedicata all’intrattenimento: al primo posto c’è DigitalSpy, il sito britannico leader nel campo dei media e dell’entertainment. Aggiornate 24 ore su 24, offrono notizie sui temi dello showbusiness, cinema, musica, e tv . Vanta oltre 199 mila utenti registrati e il suo forum è tra i primi 30 del mondo in lingua inglese.

Tra i siti essenziali per chi cerca informazione c’è Newsmap, un’applicazione che raccoglie e offre in un formato grafico personalizzabile l’insieme di news pescate in rete dall’aggregatore di notizie di Google.

Per quanto riguarda la categoria «case e vita domestica», il sito più consigliato è quello di Noise Mapping England, un progetto nato nell’ambito della National Ambient Noise Strategy (Nans) inglese, il cui obiettivo è la raccolta di informazioni sull’inquinamento acustico in Inghilterra.

Sul versante del social networking, invece, al primo posto svetta Facebook, il più popolare dei siti che permettono agli utenti di condividere amicizie e tenersi in contatto, ovunque ci si trovi nel mondo. Se invece si è interessati allo shopping, il sito più utile non è il gettonatissimo eBay (solo secondo) ma il meno noto GiftGen, che offre consigli per gli acquisti selezionati in base al sesso, all’età e agli interessi dell’utente, oltre che al prezzo massimo che si intende pagare.

Infine, la categoria «viaggi»: il migliore, è il sito Sky Scanner, che si occupa del monitoraggio dei prezzi offerti da tutte le compagnie aeree low-cost. Basta digitare la destinazione prescelta per il viaggio e valutare la soluzione più conveniente offerta dal motore.

via | Corriere.it

Torna l’ora legale

Scatta questa notte l’ora legale: alle 2, infatti, si dovranno spostare le lancette dell’orologio in avanti di un’ora: perderemo un’ora di sonno, quindi.

L’ora legale (detta anche ‘ora estiva’, che sarebbe anche meglio) è l’ora locale che una nazione sceglie di adottare per una parte dell’anno, generalmente portando l’orario avanti di 60 minuti rispetto all’orario standard ufficiale. Questo sistema ha lo scopo di sfruttare al meglio la luce del giorno durante i mesi primaverili ed estivi, in modo che l’orario lavorativo o l’orario scolastico venga a coincidere meglio con le ore di luce. L’ora legale è stata adottata in Italia dal 1916 al 1920, poi dal 1940 al 1948, per essere definitivamente reintrodotta nel 1966.

Rinominare le foto con Namefix

Namefix è un software gratuito che ci permette, in modo del tutto automatico, di rinominare le foto digitali con data ed ora in cui sono state scattate, utilizzando l’orologio interno della macchina fotografica digitale che, quando dispone della funzione EXIF, memorizza data ed orario precisi relativi ad ogni scatto effettuato.

L’uso è semplice: basta avviare il programma, scegliere le cartelle in cui sono conservate le foto e scegliere il formato del nuovo nome da assegnare ad ognuna di esse.

Clickster, cercare e scaricare musica dal web

Clickster è un’applicazione con la quale è possibile cercare e scaricare file Mp3 da Internet e da applicazioni p2p. Nel sistema è integrato anche un player che consente di ascoltare un brano anche senza averlo prima scaricato integralmente. Naturalmente il software vìola le leggi del copyright.

Zattoo

Zattoo è una “Internet Protocol Television” peer-to-peer attualmente disponibile in Svizzera, Danimarca, Gran Bretagna, Spagna, Germania, Belgio e Norvegia; è però prevista un’espansione verso altre nazioni europee, e in seguito in Canada e Stati Uniti. Per stabilire la provenienza degli utenti si basa sulla localizzazione degli IP (ergo: occorre procurarsi un proxy pubblico svizzero per far funzionare Zattoo ovunque 🙂 )

Su AB Techno Blog è presente una guida, che permette di aggirare il problema utilizzando una VPN.

Zattoo è gratuito: viene solo visualizzata per qualche secondo della pubblicità durante il cambio di canale (fase che richiede qualche secondo di tempo). La visualizzazione é possibile con 4 dimensioni di schermo, “normale“, “1/2“, “doppia” e “full screen“, con una risoluzione di 352×288 pixel (la metà di una TV analogica). Consuma mediamente 50-70 Kbs in download e 2-4 Kbs in upload, con uno sfasamento temporale rispetto al segnale da satellite di qualche secondo.

I canali disponibili sono: Al Jazeera, ARD, arte, BBC World, Bloomberg Television, Canale 5, CNBC Europe, CNN International, DMAX, DSF, Euronews, Eurosport, France 2, France 3, France 4, France 5, France 24, Italia 1, ITV1, kabel eins, La 7, M6, MTV, Schweiz, n-tv, ORF1, ORF2, Pro7 Schweiz, Rai Uno, Rai Due , Rai Tre, Rete 4, RTL, RTL II, Sat.1, SF 1, SF zwei, SF info, Super RTL, Schweiz, TF1, TSI 1, TSI 2, TSR 1, TSR 2, TV Gusto, TVE International, VIVA, VOX, e WDR.

Le debolezze del MacBook Air e i pregi dell’Asus Eee

 MacBook Air è il nuovo notebook ultrasottile della Apple. Un tempo si credeva che il sistema operativo della Apple fosse immune dai virus, ma abbiamo la conferma che non è così: in 2 minuti, Charlie Miller, consulente informatico già famoso per essere ruscito a violare l’iPhone, è riuscito a far visitare dagli utilizzatori del MacBook un sito da lui preparato e a installare un virus da questo sito. Miller non ha potuto rivelare come è riuscito ad aggirare i sistemi di sicurezza del notebook, ma il punto debole pare essere Safari, il browser usato dal computer.

Divagazione sul tema: sono anni che sento criticare Windows da persone sicuramente molto più esperte di me. Si dice che costi troppo: io ho preso Vista Home Premium per utenti education e ho pagato 99 euro. Considerate che c’è gente che spende 60 o 70 euro per comprare un software di masterizzazione ingombrante come Nero…(sostituibilissimo con software gratuiti)

Ora, posso capire i fan di Linux che, nonostante i problemi di compatibilità hardware non del tutto risolti, per lo meno è gratuito. Ma non riesco a capire questa presa di posizione a favore del Mac: l’ultimo nato, il MacBook Air,  è veramente deludente. A che serve un computer tanto sottile da poter passare sotto una porta ma senza lettore cd-dvd e senza una porta ethernet? Se devo spostare alcuni giga di roba, quanto ci vuole? E se il wifi non c’è? E poi: una sola porta usb, un disco rigido più lento di quelli del Macbook e del Macbook Pro (4200 rpm contro 5400), un processore lento (Intel Core 2 Duo 1.6/1.8 GHz). Dulcis in fundo: la batteria non è sostituibile dall’utente. Insomma: si pagano 650 euro in più rispetto al Macbook (più veloce) per risparmiare un chilo di peso e guadagnare otto millimetri di spessore!

A questo punto è molto meglio rinunciare al Mac e puntare sull’ottimo Asus Eee, che costa (a partire da) 300 euro (contro i 1700 dell’Air), è grande la metà, pesa 400 grammi in meno, ha tre porte USB e una telecamera integrata, ed usa Linux preinstallato (XP è opzionale). Uniche note dolenti: nell’Eee il disco rigido è molto meno capiente, anche qui manca un lettore ottico, lo schermo è un 7 pollici (contro i 13,3 dell’Air, ma c’è anche un modello da 9 pollici) e non c’è il multitouch (ma servono davvero per un computer che vuole essere portatile?): però al costo di un Air ne compro 5 di Eee (e mi avanzano anche 200 euro)!

Che dire? Intanto uso il mio caro Sony Vaio con il suo vituperato Vista. E mi trovo bene.

Voci precedenti più vecchie