Lars e una ragazza tutta sua

Ho appena finito di vedere in dvd questo film, attratto dal trailer. Non avevo grandi aspettative; cercavo solo un pò di sano disimpegno, consapevole di correre il rischio di trovarmi di fronte alla solita commediola americana, magari anche un pò volgarotta.

Invece questa è una commedia ironica e commovente, mai banale,  che non eccede nel buonismo.

La storia (ho omesso il finale).

Lars ha ventisette anni, vive in un paesino del Wisconsin: è timido, insicuro, con pochi amici ed una inesistente vita sociale. Ha molta difficoltà ad intrattenere rapporti normali, sia con i suoi concittadini sia con suo fratello Gus e sua cognata Karin. Un giorno confida al fratello di aver incontrato la donna dei suoi sogni: si tratta di Bianca una dolce e timida ragazza conosciuta sul web. Ma Bianca è in realtà una bambola in silicone (Real doll) a dimensioni naturali, ordinata via internet.

Lars presenta Bianca come una missionaria costretta su una sedia a rotelle. Preoccupati per la salute mentale di Lars, i due si rivolgono ad una specialista per chiedere consigli. La dottoressa gli consiglia di assecondare Lars, asserendo che è l’unico modo per aiutarlo a trovare un equilibrio stabile per uscire dalla realtà distorta che si è creato.

Per aiutare Lars, si mobiliterà l’intera comunità, trattando Bianca come una persona normale: viene coinvolta nel volontariato del paese, è assunta in un negozio, ha sempre diversi impegni all’interno della comunità (tanto da arrivare a litigare con Lars perché secondo lui lei gli dedica troppo poco tempo…). Ciò permette al ragazzo di iniziare a relazionarsi con gli altri e di superare le proprie paure e difficoltà e, al tempo stesso, aiuta i membri  della comunità ad aprire le proprie vedute. Nel frattempo Lars comincia a provare un certo interesse per una sua collega simpatica e ancora più timida di lui…

Belle le musiche e bravi gli attori, soprattutto il protagonista, il canadese Ryan Gosling (qui vagamente somigliante al Gip de ‘Le Iene’), candidato al Golden Globe 2008. Meno azzeccato, a parer mio, il titolo italiano: sarebbe stata preferibile una traduzione più letterale di “Lars and the real girl” (ma è stato fatto di peggio, qualche anno fa, con ‘Se mi lasci, ti cancello’, orripilante traduzione italica di un molto più felice ‘Eternal sunshine of a spotless mind’).

Sperando di avervi incuriosito, eccovi anche il trailer.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: