Max Gazzè, Marina Rei, Paola Turci – "Il solito sesso"

Una canzone che a Sanremo avrebbe meritato molto di più.

Ciao, sono quello che hai incontrato alla festa,
ti ho chiamata solo per sentirti e basta…
si, lo so, è passata appena un’ora, ma ascolta:
c’è che la tua voce, chissà come, mi manca.
Se in quello che hai detto ci credevi davvero,
vorrei tanto che lo ripetessi di nuovo…
dicono che gli occhi fanno un uomo sincero,
allora zitta, non parlarmi nemmeno.
Posso rivederti già stasera?
Ma tu non pensare male adesso: ancora il solito sesso!
Perché, sai, non capita poi tanto spesso
che il cuore mi rimbalzi così forte addosso,
ed ho l’età che tutto sembra meno importante,
ma tu mi piaci troppo e il resto conta niente.
Dillo al tuo compagno che ci ha visti stanotte:
se vuole può venire qui a riempirmi di botte!
Però sono sicuro che saranno carezze,
se per avere te vicino almeno servisse.
Posso rivederti già stasera?
Ma tu non pensare male adesso: ancora il solito sesso!
Chiuderò la curva dell’arcobaleno per immaginarlo come la tua corona,
e con la riga dell’orizzonte in cielo ci farò un bracciale di regina…
ma se solo potessi un giorno vendere il mondo intero
in cambio del tuo amore vero!
Sai, qualcosa tipo “cielo in una stanza”
è quello che ho provato prima in tua presenza…
dicono che gli angeli amano in silenzio,
ed io nel tuo mi sono disperatamente perso.
Sento che respiri piano in questa cornetta…
maledetta, mi separa dalla tua bocca!
Posso rivederti già stasera?
Ma tu non pensare male adesso: ancora il solito sesso!
Correrò veloce contro le valanghe
per poi regalarti la fiamma del vulcano,
respirerò dove l’abisso discende e avrai tutte le piogge nella tua mano…
ma solo potessi un giorno vendere il mondo intero
in cambio del tuo amore vero!
Ma tu non pensare male adesso: ancora il solito sesso!
Ora ti saluto, è tardi, vado a letto…
Quello che dovevo dirti, io te l’ho detto

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Simon@
    Mar 12, 2008 @ 16:51:41

    un testo quasi commovente. anche a me è piaciuta molto questa canzone ma come da qualche anno dicono sempre:’perché sanremo è sanremo’ e in questa frase è racchiuso anche il significato del perché vincano spesso personaggi e canzoni ritagliate per il festival e non testi e autori più impegnati e impegnativi. ad ogni modo non lo considero un controsenso, affatto! semmai il palcoscenico sanremese è comunque un pulpito dal quale lanciare un nuovo album o nuovi “artisti”, e questo accade, ma è anche il festival della canzonetta ed è in effetti è la canzonetta a vincere (per fortuna non sempre, ma il più delle volte è così). la radio, internet e il pubblico, premiano la vera musica, il resto.. lasciamoli a sanremo.😀

    p.s. grazie mille per la visita e per i commenti. ho risposto a seguito dei tuoi interventi dato che il mio blog ha proprio lo scopo di risolvere i miei dubbi, ma sicuramente anche quelli di qualcun’altro!

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: