Echi d’infinito

Che notte chiara, che stelle
Tutto è più dolce dopo un temporale
Dopo i giorni del pianto, adesso si apre il cuore
Ma che sorpresa, cantando può nascere una rosa
Anche dal fango Nei deserti più assolati
O negli eterni inverni
Ma che sorpresa, Una rosa, Ma che sorpresa
Io vivo di accenti, di presentimenti
Profumi che sento nell’aria
E vivo di slanci, di moti profondi
Fugaci momenti di gloria
E nel silenzio del mondo
Io sento echi di infinito
Restami accanto nel tempo
Non c’è più bella cosa che ci unisca
Nella fortuna o nelle tempeste del destino
Restami accanto per sempre
Restami accanto

Non è una poesia ma il testo di una canzone di Mario Venuti, cantata a Sanremo 2005 da Antonella Ruggiero. Qui la versione live eseguita dallo stesso autore.

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. crazynovember
    Gen 13, 2008 @ 22:35:10

    che bella😀
    mi piace…sisi..

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: