Il costo della benzina: su ogni litro 12 tasse

Che siamo uno strano Paese è ormai assodato. Che si debba disicentivare i consumi petroliferi ed incentivare il ricorso ad energie alternative è altrettanto vero.

Ma quanti di voi sanno che in Italia, la benzina è soggetta ad una tassazione che incide circa per il 70% del prezzo, nella quale sono comprese queste tasse di vecchia data:
1 1,90 lire per finanziare la guerra di conquista dell’Abissinia nel 1935;
2 14 lire come «contributo» imposto nel 1956 per compensare la crisi economica derivante dalla chiusura del canale di Suez
3 10 lire per il disastro del Vajont del 1963;
4 10 lire per l’alluvione di Firenze del 1966;
5 10 lire per il terremoto del Belice del 1968;
6 99 lire per il terremoto del Friuli del 1976;
7 75 lire per il terremoto dell’Irpinia del 1980;
8 205 lire per la missione in Libano del 1983;
9 22 lire per la missione in Bosnia del 1996;
10 2,15 centesimi di euro nel 2001 per il ripristino delle 50 lire tolte dal Governo precedente che servivano a calmierare il prezzo del carburante;
11 1,6 centesimi di euro nel 2004 per il contratto degli autoferrotranviari;
12 0,5 centesimi di euro nel 2005 per acquisto autobus ecologici.
Sull’ammontare di queste ‘una tantum’, poi,  c’è anche la «tassa sulla tassa»: sommate alla vera e propria imposta di fabbricazione (definita per decreti ministeriali), viene aggiunta pure l’Iva del 20%.

A tutto questo, poi, aggiungiamo il fatto che quando il prezzo del greggio aumenta, in maniera immediata aumentano i prezzi dei carburanti. La qual cosa appare ingiustificata perchè la benzina che vendono oggi non e’ stata raffinata ieri, ma qualche tempo fa. Chiaramente le varie compagnie traggono vantaggi da questa differenza perchè hanno raffinato il greggio pagato al prezzo (più basso) di molti giorni prima, ma basano il prezzo di vendita alla pompa come se lo avessero comprato ieri.

Ancora: il petrolio si paga in dollari americani, la benzina in euro. E’ assai strano che gli aumenti dell’euro sulla moneta statunitense non abbiano quanto meno mitigato gli aumenti del greggio.

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Luciano
    Mar 22, 2009 @ 18:56:11

    Approfitto di questa informazione e ne faccio un video nel quale citerò se vuoi la fonte .
    Fammi sapere .
    ciao

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: